lunedì 13 febbraio 2017

Scoperte del periodo, ovvero quello che mi salva l'aspetto.

Amiche, sono qui a scrivervi di soluzioni a problemi di imprescindibile importanza, a condividere con voi la sconvolgente scoperta di alcuni prodotti davvero buoni.
Quando sei in piena sessione d'esami e hai anche diverse feste, ti devi dare da fare a cercare di rendere presentabile e umano l'aspetto esteriore, perché stanca va bene ma cozza giammai!
Non so voi, ma a me lo stress fa uscire brufoli sottopelle e occhiaie che nemmeno un panda, ovvero l'equivalente del costume da zombie per Halloween. Il male.


Così, con due quintali di libri in borsa e la faccia da post esame mi reco nella bioprofumeria di fiducia.
- Hai una maschera purificante non eccessivamente aggressiva per la mia pelle mista confusa e infelice?
- Ho questa di Alkemilla.

Bam! La svolta in 2,40 euro. Una bustina spacciata per monodose, che ho usato già quattro volte. Sì, quattro volte.
Una maschera seboregolatrice e purificante per pelli miste, totalmente bio e assolutamente economica.
 Ho fatto così: ho scrubbato e poi applicato la maschera, lasciandola in posa per 15 min circa. All'inizio sentite un leggero pizzicore, non agitatevi. Quel leggero pizzicore è il segno che fa effetto, perché poi iniziate a sentire una piacevole sensazione di fresco.
L'effetto finale? Pelle liscia liscia e quasi photoshoppata.


Per il mio compleanno, invece, Sephora my love mi ha regalato due maschere in tessuto e vorrei porre l'attenzione su quella che ho provato e mi è piaciuta da matti.

Non avevo niente da perdere, visto che me l'avevano regalata, quindi l'ho provata "per sport". Non voglio dire che vi cancella la stanchezza, però è veramente rinfrescante e molto imbevuta di siero, è rilassante e allevia quella sensazione di pesantezza che si prova dopo una giornata pesante. Pur non essendo un prodotto con un Inci accettabile, è una coccola che ogni tanto ci possiamo concedere. Io l'ho usata due volte.

A proposito di contorno occhi, ho il piacere di parlarvi di quello della Lidl.
Le amiche vere sono quelle che ti regalano la crema antirughe, sì, perché ti capiscono e questo me lo ha regalato la mia amica dell'anima.
Vi parlo della Crema Contorno Occhi della Cien Nature, ovvero la linea con Inci buono. Io ho quella al melograno e la adoro, ha la perfetta consistenza.


Dopo essermi data alla parte skincare d'azione, sempre per il club "aiutati che dio ti aiuta", vi segnalo un prodotto per le labbra che mi ha sconvolta letteralmente.
La mia amica qualche giorno fa mi dice: "Ti devo dare il regalo di compleanno! Una cosa fighissima che ho anche io". Ci vediamo e mi porge il pacchettino.
Santa Baby di Lush
Ovvero un rossetto opaco rosso acceso e un balsamo labbra nello stesso cosmetico con un profumo buonissimo. Top!
La mia amica mi mette in guardia dicendomi che è indelebile ed io "Seeeeeh, figuriamoci se un balsamo labbra colorato è indelebile".
Avete presente la durata del Ruby Woo? Effetto e durata simili, con una azione idratante che non guasta. L'amore.
Natalizio, ma chissene, visto che uso i rossi sempre.

Il secondo prodotto è un insieme di prodotti, ovvero il kit di pennelli di Neve Cosmetics. Io amo da pazzi questo brand e lo sapete, ma non avevo mai dato conto ai pennelli. Favolosi.
Ho realizzato un Cut Crease con questo set e la palettina di Yves Saint Laurent bellissimo!

La palette di Yves Saint Laurent, comprata grazie ad un buono regalo, è di qualità veramente buona. Gli ombretti sono tutti scriventi e sfumabili, molto setosi al tatto. Gli applicatori in dotazione, invece, fanno cagare. Pennelli Neve Cosmetics forevah!

Un ombretto che sto usando tanto, invece, è questo meraviglioso Purobio n 01, ovvero un colore champagne (il ché è tutto dire) shimmer e luminosissimo. Qualità ottima ad un prezzo ottimo. Pigmentato, luminoso, sfumabile e con un Inci bio.
Consigliatissimo per quando non abbiamo nemmeno il tempo di spararci una linea di eyeliner decente.

Bene, ragazze. Queste sono le scoperte del periodo, quantomeno quello che mi ha permesso di avere un aspetto presentabile agli occhi del mondo.
Raccontatemi di voi nei commenti, se avete scoperto prodotti salvavita o se avete provato qualcuno dei miei.

domenica 5 febbraio 2017

Datemi un po' di primavera


You can't always get what you want , la colonna sonora di questo periodaccio terribile, fatto di studio ed esami e voglia di sole e di colore.
E niente, Mick Jagger come tutor motivazionale .

Stavo constatando giusto oggi, mentre andavo a fare la spesa struccata e con la coda (look da "non ho il tempo di truccarmi"), che adesso arriva quel periodo in cui mi prende quella voglia di uscire con i vestiti primaverili con 8 gradi.
Questo desiderio - che è l'equivalente dei capricci per le Barbie di quando ero bambina- getta le fondamenta nella questione climatica pugliese, ovvero qualche vento di scirocco e un po' di sole, che sfociano in un temporale e abbassamento radicale delle temperature nel momento esatto in cui metto piede fuori casa. Quando una dice "la fortuna"!

Naturalmente ci provo e fallisco miseramente e grazialcazzo, siamo a Febbraio.
Ma che volete da me, sono influenzabile dalle nuove collezioni primaverili in vetrina, con tutto quel bianco e rosa e fiori e tessuti leggeri. Vogliamo parlare di tutte le bluse svolazzanti in pieno mood "figlia dei fiori coi soldi"? Io potrei impazzire!

Valentino SS17

Valentino SS17
Capite?
Il problema è che fa freddo, che per come sono io il giorno dopo avrei la febbre e la tosse e non uscirei di casa per la guarigione lenta, ovvero non c'ho il fisico.
Dopo anni di esami ad ingegneria, però, ho imparato a cercare le soluzioni ai problemi di massima importanza vitale, tipo questo. L'avvento della primavera è qualcosa che si percepisce anche nel mondo del beauty, che si può indossare senza morire di freddo.
A quanto pare quest'anno, secondo le prime indiscrezioni, ci dobbiamo buttare sul pescato, come con la Sweet Peach di Too Faced, alias packaging stupendi a manetta.



Non solo costa un rene, ma il pescato su di me fa pena.

Mi piace molto anche la collezione primaverile di Kiko, più economica e nemmeno tanto, si chiama "Spring 2.0". Il nome è un po' brutto (2.0?) e i prezzi  non sono affatto economici, almeno per questa azienda che ha proposto cosmetici a prezzi davvero bassi, infatti i blush costano 12,95, l'illuminante 15,95 e i rossetti più di 10 euro. A questo punto vado a cercare prodotti con una qualità più alta!

Blush

Illuminante

Mascara + Fibre

Aspetto con ansia le collezioni di Neve Cosmetics e Nabla, anche per Inci migliori. Voi che ne pensate?
Un bacione!

Datemi un po' di primavera