giovedì 21 settembre 2017

Mi sono persa e mi sono ritrovata

- Naturalmente spero di non vederla più nella mia vita, signorina.
- Anche io!

Si è conclusa così la mia sessione di esami di Settembre e si è portata con sé anche questa cagata di estate afosa e insopportabile per chi non possiede una villa con una piscina gigante o millemila euro per trasferirsi in Norvegia  o per girarsi la Grecia, la Provenza e tanti bei posti..
A noi poveri tocca subire i cali di pressione e l'umidità tra i capelli, per finire a mangiare i Maxibon e ingrassare come non ci fosse un domani.
Diciamo che è stata una estate culturale in cui ho girato più castelli che discoteche, anche se in realtà io non giro mai le discoteche e, quindi, non fa testo.

Mi sono catapultata a Trani a vedere la mostra "Da Manet a Tode, dal Postimpressionismo al Neorealismo" presso Palazzo Beltrani, uno dei tanti palazzi belli di una città ricca di arte e storia. A seguire non potevo fare a meno di vedere l'installazione di Brian Eno nel Castello Svevo che si può visitare quasi totalmente.



Trani


Sempre con il rossetto


Castello di Trani, Installazione di Brian Eno e la Wannabe che cammina.
Poi mi sono ritrovata alla festa medievale di Carovigno, dove c'è un castello piccino, e a Peschici, dove è possibile visitare le segrete di un castello arroccato che contengono un museo delle torture molto molto inquietante!

Castello di Carovigno

La tortura meno inquietante, così per dire.
Ma la Puglia è un territorio ricco di storia e il mio pellegrinare alla ricerca di bellezza non è finito solo a vedere castelli, sono tornata a visitare Egnazia, ovvero un sito archeologico allucinante.
Ci sono stata già altre volte in passato, visitando la Necropoli, ma il carico di scoperte nel corso del tempo si è moltiplicato notevolmente e si può visitare anche l'Acropoli, la Città e le Terme, corredando il tutto da un museo molto interessante.
 

 
 
Ultima, ma non per importanza, la visita alla Pinacoteca di Bari "Corrado Giaquinto", l'altro giorno in solitudine dopo aver fatto un esame, l'ennesimo esame che faccio senza dire niente a nessuno.
Dopo la nottata insonne, dopo quel profondo senso di tristezza che da giorni non mi lascia far niente, dopo le formule, dopo le facce antipatiche e dopo quel peso sullo stomaco, ho attraversato a piedi la città. perdendomi pure.
La Pinacoteca è ricca di pezzi che raccontano la storia e le tradizioni della mia regione e di tutto il Meridione, un percorso formato da più sale che rapiscono l'attenzione sin dal primo istante.
Mi sono scrollata di dosso tutte le preoccupazioni nel silenzio e nella solitudine della contemplazione di decine di volti di santi e giovani donne, di paesaggi, di mestieri antichi, di bambini, di sguardi, di colori e di sfumature. E alla fine non sai più se sei tu a guardare loro o se alla fine sono tutte quelle pennellate a guardare te.
Mi sono persa e mi sono ritrovata.


giovedì 10 agosto 2017

Ferragosto ed orrori

Spesso il male di vivere ho incontrato
era la spallina trasparente del reggiseno Made in China
era il pinocchietto di jeans
agghiacciante, era la ciabatta con il pellicciotto.

Bene non seppi, fuori di casa
che esprimevo Divina Ignoranza:
era la nail art fluo accecante,
del carnevale, e la terra eccessiva, e strass.

Scusa, Eugenio.

E niente, con questo caldo se ne vedono delle belle!

I miei NO per un sereno Ferragosto:

- Il trucco in spiaggia, soprattutto se pesante. Come diavolo fate?
- Non mettere la protezione con l'intento di "abbronzarvi". FURBE! Meglio scottate rosso peperone con tutti i segni e la pelle che si sfilaccia come una borsa di scarsa qualità, eh?
- Le spalline trasparenti in plastica del reggiseno. ANCORA? NEL DUEMILADICIASSETTE?
- Le ciabatte con il pellicciotto.
- Il pantalone pinocchietto in jeans. NON SI FA, ESISTONO ALTERNATIVE MENO AGGHIACCIANTI PER STARE COMODE.
- La terra abbronzante marrone scuro a palate.
- La nail art fluo eccessiva piena di disegni e applicazioni.

I miei SI

- In spiaggia lasciate respirare il viso, al limite un velo di BB Cream con un filtro adeguato di protezioni e un velo di mascara waterproof
- Un buon illuminante per la sera per un look fresco e glowy
- Espadrillas con la zeppa in corda e tacchi squadrati
- Sostituite i pinocchietti con gonne midi o abiti midi, decisamente più glamour
- Fate uso di bralette e reggiseni con intrecci strategici, ma buttate quelle spalline di plastica terrificanti
- Avvaletevi di creme idratanti e scrub ad hoc per avere una abbrozatura uniforme ed un incarnato sano.
- Un rossetto importante per calibrare la mancanza di makeup occhi intensi
- Abitini, abitini, abitini, abitini.













domenica 30 luglio 2017

Cerco sempre biscotti rotti nella scatola

Vorrei pensare che il karma un giorno, un fottutissimo giorni, mi ripagherà di tutte le sfighe e di tutte le grandissime prese in quel posto. Un giorno il karma mi ripagherà per i miei capelli crespi e indisciplinati, per le occhiaie da panda, per la mia fame chimica, per la costante sensazione di non essere mai all'altezza delle situazioni, per la mia solitudine quasi costante, per la mia completa inettitudine all'essere subdola e per la mia solita tendenza a cercare il buono dove non sempre c'è.
E per la mia faccia da stronza della situazione, perché mi frega sempre e perché, a detta di tutti, io non avrò mai l'aspetto della principessa da salvare. E magari, aggiungerei.


Prendetevi tutto, 
ma non il gusto di amarmi un po'. 
E dai! Prenditi tutto, 
ma non il gusto di amarmi un po'. 

Erica Mou, Se mi lasciassi sola



Così, mentre la voce sottile e diretta di Erica Mou mi fa compagnia in questa serata estiva afosa, vi parlo un po' così, un po' sinceramente.
Il problema di quando hai una faccia da stronza, come mi dicono dalla regggggia, è che forse non sei proprio stronza, ma tanto vale tenersi l'etichetta, così en passant.
In fondo con gli occhiali da sole neri e grandi e un rossetto dal colore profondo e deciso sono un po' Crudelia Demon anche io.
Il rossetto è spesso Delirium di Neve Cosmetics, la Pastello Labbra, oppure è il Liquid Lipstick di Wycon nella colorazione "Red Cherry".
Perché io, il rossetto rosso, lo metto quando mi pare e piace, anche per andare al mercato o per andare a ritirare le dispense dalla copisteria, mentre il tipo dietro al bancone con un mezzo sorriso mi dice "eh, con tutte ste fotocopie c'hai da fare questa estate" e io vorrei rispondergli che capirai fratello mio, abbiamo fatto trenta e facciamo trentuno.

Delirium è quel rosso amaranto freddo profondo che fa tanto strega, che ti fa pensare che il rossetto nude proprio no, non è il caso.

E così, da stronza a stronza, ho finalmente comprato il mio primo (di una lunga serie) prodotto dell'Estetista Cinica, la mia estetista social preferita. Ho comprato Bye Bye Panda, una maschera per contorno occhi che aiuta a decongestionarlo e idratarlo. A me piace, ma partiamo per gradi e diciamo bene il fatto.
La maschera è prodotta dalla Biogei e si presenta in un tubetto da 20 ml, una quantità più che dignitosa per un prodotto da contorno occhi e per il prezzo piccino di 3,99 euro. Non si tratta di qualcosa di bio, non ha un inci verde perfetto, però non mi interessa, perché tutto sommato funziona e mi ha aiutata a decongestionare un contorno occhi da ore piccole + caldo + mezza allergia. Va bene così, perché la Cinica ha vinto ed io comprerò altri prodotti.
Non conoscete l'Estetista Cinica? Googlatela e followatela sui social, perché è una delle poche persone competenti e, aggiungo, oneste che possiate trovare.

Faccio schifo a fare foto parte 34564765789

 Con il Bye Bye Panda sul contorno occhi, Delirium sulle labbra e gli occhiali neri da sole, io vado in giro a conquistare la città, che ciao povery.

Quante volte nonostante lo stesso sapore ho preferito la frastagliata unicità dell'imperfezione. 
Erica Mou, Biscotti rotti

venerdì 23 giugno 2017

Must have estivi e qualche consiglio

Come ogni fescionbloggher che si rispetti anche io devo parlarvi dei must have di stagione. Che credete? Sono una persona seria, io!

IL MAXIABITO

Cugino di primo grado della Gonna Lunga, il Maxiabito è uno dei capi più versatili della bella stagione e non è difficile comprendere il motivo. Si può indossare con sandali flat, tacchi, zeppe (scelta intelligente per fingerci più alte senza morire di dolore) e con le sneakers in tela per un look molto casual. Possiamo personalizzarlo a nostro piacimento, tipo fingerci appena uscite dal Coachella con un po' di ritardo oppure fingerci chic e sofisticate, anche se abbiamo il portafoglio da povery.
Ma veniamo alle due caratteristiche top che rendono questo capo insostituibile:
1) poco importa se abbiamo le gambe storte, la cellulite, le smagliature, le gambe gonfie per il ciclo e qualsiasi altro inestetismo legato alla "geometria" delle gambe, saranno coperte e fottesega. Anche se, detto sinceramente e in tutta friendship, fottesega comunque perché dobbiamo piacerci così come siamo, quindi se soffrite il caldo e se vi piace mettetevi le minigonne senza preoccuparvi delle persone magre dentro, cioè i cafoni giudiconi.
2) copre la ricrescita dei peli, nel senso che potete pure mettervelo se avete i peli. Sì, lo so che sono indecente, ma sono umana e sono una bruna, quindi non sono sempre perfettamente depilata, perché spieghiamo a quelle persone che vivono nel mondo delle favole di Instagram, le donne hanno i peli che si possono depilare e che dopo crescono. No, non tutte possono essere sempre perfettamente glabre, ok?
3) con un solo gesto avete l'outfit pronto, che non è proprio una cosa da poco.

H&M

H&M

GLI SHORTS

In antitesi al capo precedente troviamo gli shorts, ovvero il pezzo che fa subito estate. Che sia Miami, che sia Mykonos, che sia Ibiza, che sia Vieste, non  potrete evitare di metterlo in valigia.
Devo ammettere che è un capo stronzo, ma stronzo forte eh! Gli shorts sono uno di quei capi da provare sempre in camerino e da valutare, perché rischiano sempre di scadere nel trash se eccessivamente corti e perché possono rendere sciatta la mise. Io li preferisco non eccessivamente corti, magari dal taglio un po' vintage.
Se scelti con cura, sono belli da mattina a notte fonda, dalla spiaggia alla seratina tra amiche, con magliettine semplici, canotte sblusate, camicette in lino o cotone, sono nell'armadio di tutte.

Stradivarius

Stradivarius

Zara

TACCHI TACCHI TACCHI

Sempre sempre sempre. Sì, il sandalo flat è comodo. Sì, le zeppe in corda sono allegre. Amiche mie, però i tacchi alti sono come la Tachipirina, devi tenerli sempre.  Avete presente quella feste di laurea in quel localino? Avete presente l'appuntamento con quel ragazzo alto due metri? Avete presente quel matrimonio? E la serata glamour con le amiche? La soluzione è sempre un paio di tacchi alti che ci fanno sentire sicure e belle.

Gianvito Rossi

Zara

Trend da segnalare per questa estate è quella dei sandali a tacco medio, già visti da un paio di anni, ma di assoluta tendenza e, mi permetto di commentare, comodità. Molto belli quelli a fantasia o con i tacchi decorati. Provateli!
Stradivarius

Stradivarius


Avete già deciso dove andare in vacanza? Quali sono i vostri must have di stagione?

lunedì 12 giugno 2017

Sessione estiva is a fucking problem



L'estate è bella, certo, se non hai gli esami, se non soffri di cali di pressione, se non hai i peli e se hai la pelle che non si lucida, ma se anche tu appartieni al club delle donne terrestri medie, allora is a fucking problem!
Scherzi a parte, io adoro l'estate per le giornate lunghe e soleggiate, per il rumore del mare, i sandali con il tacco e per i vestiti colorati. Adoro le serate estive con gli amici a bere qualcosa e a formulare discorsi che partono stupidi e si fanno più seri, sempre con il sorriso sulle labbra e la promessa a venire che "tutto sommato ce la caveremo pure noi, ancora una volta", ognuno con le proprie ansie e preoccupazioni, i difetti che celiamo agli sconosciuti e agli amici sono qualcosa di familiare, qualcosa che fa parte di noi e non fa niente.
Io, poi, che di difetti ne ho tanti e più di quanti possiate percepirne la presenza, preferisco quelle serate relax al limite della comfort zone in cui non fa niente se hai i capelli scompigliati e le occhiaie per l'esame che non sai se passerai mai, perché ci sarà la tua amica con le occhiaie di un altro colore ma simili a parlarti del professore fenomeno che la sta stressando con le consegne, e allora "mal comune mezzo gaudio".
Sono giorni che passo le giornate a studiare, senza uscire e senza vedere gente, a parte quel giorno a settimana in cui decido di fare un mezzo giro con qualcuno, per sgranchire le gambe e per distrarre il cervello. Non vedo gente nuova, non faccio cose nuove, non mangio cibi nuovi.
Una confort zone rassicurante che mi ha aiutata a percepire un sacco di situazioni in maniera più razionale e oggettiva, più serena e forse più matura.
E poi, vabbè, è ovvio, che ve lo dico a fare, in casa a studiare non ho bisogno di truccarmi e aggiustarmi i capelli, di mettermi i tacchi, posso stare comodamente con la coda e in pigiama.

La mia ultima follia trasgry, che in realtà è una bella scoperta, è stata comprare la Sublime BB Cream e la Loose Powder di Purobio, duo prodotti dalla qualità molto alta e dal prezzo basso.
La BB è piuttosto fluida e leggera, copre poco e uniforma bene, stratificabile all'occorrenza, un prodotto che mi piace per la facilità di utilizzo e per l'effetto naturale e luminoso, utile a nascondere il pallore delle preoccupazioni.
Io la applico prima con le mani su tutto il viso e poi con la Beauty Blender umida e ben strizzata finisco di stenderla e fissarla, cercando di rendere il tutto più naturale possibile. Successivamente passo un velo di Loose Powder sulla zona T, per opacizzare per bene, stando attenta per benino a evitare l'effetto polveroso, ovvero cocaina dei povery.
Stiamo parlando di qualcosa che non fa i miracoli, che non vi regala la faccia delle Victoria's Angels, ma che vi aiuta a mostrarvi al mondo con un aspetto meno stressato del solito.
Completare con quintali di mascara volumizzante e allungante, una riga di eyeliner e un rossetto a lunghissima durata e, se come la sottoscritta non dovrete baciare nessuno perché cemento Portland is the new ragazzo figo, il rossetto opportunamente fissato con la Loose Powder vi durerà un bel po' di ore, escludendo la maratona di panzerotti fritti della zia, quelli sono peggio dello struccante bifasico.






Studi scientifici piuttosto seri dimostrano che la BB Cream non vi proteggerà da Despacito, da Enrique Iglesias, dai balletti di Gianluca Vacchi, dagli stronzi, dalle ubriacature e dalle zanzare, però ha una buona resistenza agli agenti atmosferici, quindi per dodici euro e novanta centesimi va pure bene.
Per le zanzare andate di gel d'aloe 99,99% della Planter's , un prodotto multiaction. Per Despacito andate di Rolling Stones e vi passa. Per Enrique Iglesias pure. Per i balletti di Gianluca Vacchi andate di serie tv. Per gli stronzi non andate.

Sessione estiva is a fucking problem!

venerdì 19 maggio 2017

Preferiti del periodo

Sì, lo so, ogni tanto scompaio.
Perdonatemi, ma è stato un periodo in cui non ho avuto molta voglia di scrivere e pubblicare, causa studio e ansie varie.
Non ho potuto fare a meno usare e mettere alla prova un po' di prodotti, tanto da potervi parlare di alcuni preferiti che probabilmente voi conoscete già, ma che a me son piaciuti davvero tanto.

Douglas Naturals Regenerating Face Mask con olio di Argan

Si tratta di una maschera "monodose" (vi permette di fare due applicazioni) idratante e rigenerante all'olio di Argan e con un Inci di tutto rispetto. Priva di siliconi, parabeni e altre schifezze, vi regala una pelle morbida e luminosa e vi rilassa con un profumo dolce e delicato. Mi è piaciuta tanto da fare dopo uno scrub intenso, magari in previsione di una serata speciale, oppure per un momento di coccole e relax. Meno di tre euro e facile da reperire, occupa poco spazio ed è una buona soluzione per i viaggi. PROVATELA!



Maschera da notte Sephora Purificante e Detossificante all'alga

Questa è una maschera che avevo voglia di provare da secoli, ma che non ho mai preso per la presenza di silicone. L'Inci non è buono, ve lo dico chiaro e tondo, ma la comodità di un trattamento che agisce di notte sulla pelle e fa tutto solo soletto è una figata assurda. Non unge nulla e lascia la pelle morbida al mattino, attenua lievemente le imperfezioni senza irritare assolutamente. Ha un buon profumo abbastanza persistente, sconsigliata a chi non ama l'idea di sentire un profumo per molte ore, soprattutto prima di dormire. Il prezzo è di 3, 90 euro, a mio avviso non particolarmente cheap, ma potete fare tranquillamente due applicazioni.
La consiglio a chi non ha il tempo di tenere su un trattamento di giorno per 30 minuti e vuole skincarizzarsi.


Antos

L'azienda Antos è proprio un grosso preferito, che conosco e che compro da un po' e che mi ha piacevolmente sorpresa. Perché? In primis è un'azienda italiana ed è sincera, semplice ed essenziale, ma che garantisce prodotti di qualità a prezzi bassi. I pack sono bianchi e senza fronzoli, perché quello che paghi veramente è il prodotto e scusate se è poco. Ho usato tonici e idrolati e posso dire che sono validissimi, sapete benissimo quanto io ami la loro Acqua di Hamamelis.
Un prodotto fighissimo è il Volumizzante Labbra, che ha un profumo spaziale e che volumizza senza dare problemi. Da provare anche le creme viso, non hanno nulla da invidiare a blasonatissime aziende più costose.
Ho avuto l'opportunità di partecipare ad un loro evento nella mia bioprofumeria di fiducia e devo ammettere che è stata una cosa parecchio carina, "cucinando" dal vivo cosmetici naturali e rispondendo a tutte le nostre domande.

 
Liquid lipstick Wycon Red Cherry

L'ho testata per un giorno intero e dura tante ore. Non secca e diventa opaca, però non è no- transfer e quindi evitate di sbaciucchiare a destra e a manca. Comunque si asciuga anche in fretta e ha un prezzo basso, a differenza di tante tinte super chiacchierate. Ha resistito a caffè, acqua, un panzerottino e due panini con prosciutto e formaggio e mi pare pure abbastanza. Che dite?
Ah, è un rosso tipicamente da "inverno profondo", bello intenso.



E voi, conoscete questi prodotti?

lunedì 24 aprile 2017

Scarpe: ne abbiamo? Mai abbastanza!

Io questa cosa di indossare le ciabatte per uscire non la capisco, eh. Ma insomma, faccio tanto per uscire e districarmi dal pigiamone antisesso che concilia lo studio, mi vesto e mi trucco, mi stiro i capelli e mi depilo, per che cosa? Per indossare le ciabatte?
Nonostante il mio sgomento, nonostante il mio senso di disgusto causato dal trend più aberrante degli ultimi dieci anni, una cosa che non si vedeva dai tempi delle Spice Girls, le ciabatte vanno di moda. Antisesso, inopportune, peggio delle pantofolone in peluche, peggio delle pinze per capelli, peggio delle orride nail art a fiori.
Lo avete già intuito, vero? No, non indosserò le ciabatte per uscire!








Perché le scarpe sono importanti per noi donne e perché stressata va bene, ma sciatta giammai!

LE SNEAKERS

Sono le scarpe che teoricamente mettiamo più spesso, che sia per questioni di comodità o che sia per gusti personali.
Per un periodo notevole della mia vita ho abolito ogni qualsivoglia forma di calzatura ginnica, con l'intento di apparire più femminile. - Da povera ingenua, mi ero data alle ballerine -

Ora più che mai le sneakers sono ben accette perché assolutamente cool e perché ci regalano un tocco glamour anche con vestitini e gonne.
Per la bella stagione prediligete tessuti più leggeri e colori chiari, più femminili.



H&M

LE ESPADRILLAS

Regalano una allure da vacanza, qualche centimetro in più grazie alla zeppa e si confermano per look casual e un po' romantici. Io le approvo a pienissimi voti e le abbino ad una borsa in paglia tipicamente estiva. Che dite?

H&M


TACCHI ALTI

I tacchi, lo sostengo da secoli, sono la mia arma contro l'insicurezza e la tristezza. Certamente ci sono cose più importanti al mondo, ma volete mettere l'andamento sicuro che vi regala un bel tacco dieci? Volete mettere la postura, il sedere alto e le gambe più lunghe? Volete mettere il rumore?


ZARA
 

ZARA


Scarpe: ne abbiamo? Mai abbastanza!